venerdì 12 ottobre 2007

cendrillon

ieri sera, alla kungliga operan, c'era una replica di cendrillon. erano anni che non assistevo a un balletto e sono rimasta incantata. è stato bello sentire il rumore delle punte e il peso - dolcissimo - dei ballerini che ricade sulle assi del palco.

fresche le idee del coreografo francese, jean-christophe maillot, che ha riletto la fiaba inserendo flashback sorprendenti e spassosi spunti di realismo, come gli atti seduttivi della matrigna o la fatuità degli esperti di moda e bellezza - oggi qualcuno direbbe "fashion & make-up artists" - che dispensano consigli alle vanesie sorellastre.

ho apprezzato molto la novità di una cenerentola, unico personaggio senza punte, che va al ballo armata della sua semplicità, con i piedi nudi e scintillanti d'oro. allo scoccare della mezzanotte, di cenerentola rimarrà solo una traccia luminosa, l'impronta del piede sulla scalinata del palazzo.

la scenografia è a pannelli, come le pagine di un libro illustrato.

dolente e immaginifica, come sempre, la musica di prokofiev.

2 commenti:

lilì ha detto...

Sui fashion & make up artists sapete come la penso ;-)) Ma soprattutto, perché non scrivete niente da ben 4 giorni, adesso che sono disoccupato sono in crisi d'astinenza, aaahhhh!!!

mirio ha detto...

Mi fate avere il vostro indirizzo di Stoccolma?
Ciao, m.
Il balletto è emozionante.
Se vi capita andate a vedere qualcosa di Bill T. Jones. E' danza moderna, ma vedrete che vi piacerà moltissimo.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails