venerdì 14 gennaio 2011

om vargen

sul lupo

foto rickynj, flickr

seimilaquattrocentoventotto volenterosi esseri a due zampe, armati di semplici fucili a pallettoni, hanno coraggiosamente risposto all'accorato appello dell'agenzia svedese per la protezione dell'ambiente e si sono diligentemente registrati come cacciatori o capicaccia presso il registro nazionale per l'abbattimento di una quota di fameliche e temibili bestie: 20 lupi sui 210 esemplari che infestano il territorio di re gustavo.

fonte: http://svt.se

da oggi e sino al 15 febbraio 2011, gli impavidi avranno licenza di uccidere un certo numero di capi per län o contea, in base alla suddivisione della cartina riportata sopra. ma non occorrerà certo attendere tanto per dichiarare le foreste svedesi un po' più sicure per cappuccetto rosso. all'una di oggi pomeriggio i predatori eliminati erano già nove.

quello che avevo già sentito chiamare "abbattimento selettivo" - ma quale sarebbe il criterio di selezione? - avveniva in questo stesso periodo anche lo scorso anno e ricordo ancora lo stupore e la rabbia con cui appresi la notizia. ma come, un paese vasto come la svezia, con circa 292.000 chilometri quadrati di foreste e una bassa densità di popolazione, peraltro concentrata nelle poche aree urbane, ha paura di 20 branchi di lupi, circa 210 animali? l'italia, con i suoi 194 abitanti per chilometro quadrato e circa 104.000 chilometri quadrati di boschi ospita dai 400 ai 500 individui (dato WWF), quasi tutti sugli appennini.


certo, da noi ci pensa il bracconaggio a tenere sotto controllo il numero dei lupi, con tempi e modi che non di rado determinano seri problemi di conservazione delle piccole popolazioni locali, come l'uso dei bocconi avvelenati che crea vuoti nell'areale degli animali (già problematico di per sé per la sua disomogeneità e la sua forma allungata) e ne impedisce il rimescolamento genetico (altri dati WWF).

qui, invece, tutto è ben regolato, non c'è che dire. l'anno scorso la quota dei lupi da abbattere era 27, anche se poi per sbaglio ne fu ucciso uno di troppo. nel 2011, per non incorrere nello stesso errore, i capicaccia dovranno comunicare tempestivamente il numero di animali ammazzati o colpiti, verificando di ora in ora la quota delle uccisioni avvenute altrove. la novità dell'anno è che in tutte le contee i cacciatori avranno a disposizione un servizio di informazioni via sms. precisione sv... izzera!

foto anders wiklund, dn nyheter

tuttavia la jägareförbundet, l'associazione dei cacciatori svedesi, sostiene che quest'anno vi sia stata una nascita record di cuccioli (fra i 25 e i 27 lupacchiotti) e quindi si è rivolta all'agenzia svedese per la protezione dell'ambiente auspicando un incremento della quota di animali da sopprimere, sempre che quei brutti e cattivi della commissione europea non le mettano qualche bastone fra le ruote...

già, perché janez potočnik, commissario europeo per l'ambiente, non ha certo risparmiato le critiche e, anzi, ha chiesto ad andreas carlgren, ministro dell'ambiente, quali sarebbero le basi scientifiche della decisione, senza mancare di constatare l'aumento del rischio di inbreeding in seguito alle uccisioni dello scorso anno.

intanto la caccia prosegue, anche nonostante i dimostranti - un gruppetto sparuto, per la verità... dodici persone! - che hanno provato ad avvertire gli animali, o comunque a sabotare la caccia, accendendo petardi e fuochi d'artificio. dalarna e gävleborg hanno già raggiunto il proprio tetto, mentre il värmland, a causa della provvidenziale nevicata mattutina, è ancora a bocca asciutta.

ma che cosa giustifica l'abbattimento dei lupi? sono così pericolosi?

in svezia, l'ultimo attacco con esito fatale da parte di un lupo nei confronti di un umano avvenne il 18 marzo 1821, quando un bimbo di sei anni fu purtroppo ucciso dal famigerato lupo di gysinge, un lupo costretto a crescere in cattività che non aveva mai imparato a cacciare e che, una volta ritrovata la libertà, aveva perso il naturale timore nei confronti degli uomini... l'animale, responsabile della morte di altri bambini e ragazzi nel corso dei mesi precedenti, fu abbattuto poco dopo e i tragici avvenimenti di quell'inverno segnarono l'inizio di una caccia al lupo senza precedenti. fra il 1827 e il 1831 furono fatti fuori 2436 animali; 2988 nei quattro anni successivi. intorno al 1870 i lupi erano quasi del tutto scomparsi, almeno nella svezia centrale e del sud. e fu solo negli anni sessanta del secolo scorso che la popolazione dei lupi svedesi riprese lentamente a crescere, anche grazie alle tasse salate da pagare in caso di uccisione di un esemplare e alla legge che, nel 1965, classificò il lupo come animale protetto.

ma allora perché tutto questo accanimento?
secondo tomas andersson, presidente dell'associazione dei cacciatori (sì, sempre loro!), il pericolo peggiore non sarebbe neppure per gli animali da allevamento, come si potrebbe pensare, bensì per i cani da caccia. i numeri? sono 11 i cani uccisi dai lupi quest'anno, 12 in meno rispetto allo scorso anno. 93 quelli uccisi dai cinghiali. e 12 quelli uccisi dai cacciatori stessi, per sbaglio, immagino...

in soldoni, quest'anno si uccidono 20 lupi perché i cacciatori sostengono che la presenza di questi animali mal si concilia con la tradizione dei cani da caccia??? la lobby dei cacciatori non è fortissima solo in italia, a quanto pare.

certo è che la svezia farebbe molto meglio a fare tesoro della propria fauna rara, anziché perseguitarla e decimarla.


10 commenti:

Kata ha detto...

Interessante! Ma quale sarebbe il pericolo per i cani da caccia?

Giusi ha detto...

Kata, il pericolo per i cani da caccia è mortale, purtroppo. Difatti rischiano lo sbranamento.
Ma le cifre sono a dir poco ridicole.
Sono 11 i cani uccisi dai lupi quest'anno, 12 in meno rispetto allo scorso anno (ed evidentemente questo basta per giustificare la caccia al lupo nel 2011).
E sai quanti sono i cani uccisi dai cinghiali durante le battute? 93.
E i cani uccisi dai cacciatori stessi (per sbaglio, immagino)? 12.
La giustificazione è ridicola, come dicevo...

Giusi ha detto...

Grazie, Kata. Mi hai dato lo spunto per aggiungere i dati nell'articolo. Ciao!

Giusi ha detto...

Un altro aggiornamento: uno dei lupi uccisi oggi è un maschio alfa che veniva seguito dai ricercatori...

Giusi ha detto...

Un sito utile per chi è contrario alla caccia al lupo: http://www.svenskavargar.nu/

Giusi ha detto...

http://www.rovdjur.se/

Giusi ha detto...

Qui potete firmare una lettera da spedire al commissario europeo per l'ambiente: https://naturskyddsforeningen.wufoo.com/forms/please-stop-the-hunting-of-wolves-in-sweden/

E qui potete aderire all'iniziativa che dice NO alla caccia al lupo della Svenska Rovdjursföreningen:
http://www.svenskavargar.nu/viewNavMenu.do?menuID=7

Grazie!

Anonimo ha detto...

Hi there
I guess you read English ?!!

You have a wonderful blog, and thank you for writing so beautifully about our wolves!!

Lin

Giusi ha detto...

I can read Swedish, Lin.
Your wolves... are a universal value to me!
Thanks for your comment,
g

Franco ha detto...

Ma che bello questo blog! Complimenti, siete bravissimi.
Pensa come è strana la vita: quando ero più giovane sognavo di andare a vivere in qualche Paese del Nord Europa, forse perché sono sempre stato affascinato dalle città nordiche e dai paesaggi invernali, o forse perchè era cosa comune pensare che in quei Paesi (Svezia, Norvegia, Danimarca, ecc) la vita fosse migliore. Ma il destino ha voluto fare diversamente.
Invece di un Paese del Nord mi ritrovo in un Paese tropicale, e invece di freddo e neve sono qui a sudare con più di 30° in casa!
Ma penso che in tutto questo ci sia uno scopo, quindi vediamo dove mi porterà questa mia avventura brasiliana.
Complimenti ancora per il vostro lavoro.
Un abbraccio dal Brasile.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails